Le parole che nessuno ascolta

 

Le parole che nessuno ascolta

corrono su per quelle scale

con le gatte:

non vedono l’ora d’arrivare a casa

 

e lassù

nelle stanze bianche del tuo sogno

(fasci di sole dalle finestre alte)

bevono, mangiano,

e poi si l e c c a n o

 

e poi chiudono gli occhi,

sperando ricominci.

 

 

Annunci

4 thoughts on “Le parole che nessuno ascolta

  1. Mi sembra di conoscerti! Di conoscere quelle stanze, le gatte. Ma le parole che arrivano a casa…sono le tue? O di chi sono? E di chi sono le stanze? Te lo chiedo perché conosco parole che da mesi inseguono un simile rifugio, ma ancora non l’hanno raggiunto… 🙂 Buonanotte Mimi. I tuoi versi mi commuovono profondamente. Questi e anche quelli dell’altroieri..

    1. Beh le parole sono certo le mie, come pure le gatte!!
      Cerchiamo la stessa cosa anche noi (queste stanze esistono soltanto in un sogno ricorrente), ecco forse perché ci commuoviamo a vicenda 🙂
      Grazie, buonanotte anche a te!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...