25/04

Che poi dicendolo,

raccontandolo:

di quelli acquattati sul confine

tra i cespugli, a portarti via

dei limiti più incredibili che hai visto andando, tornando

di tutte le dimensioni dove scompari, riappari

del terrore, del sollievo del ritorno

vincendo, respirando

per uno solo dei suoi sguardi

per uno solo dei suoi baci…

(non c’eri, ma ti aspettavo ancora).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...