Nel tramonto

Tramonti3

Scrutano grevi gli occhi

tra i grigi delle assenze

tra i fiocchi rosati e candidi

che chiamano il domani.

Gli azzurri

distanti

giù in fondo

dentro al cuore.

Annunci

14/10

Che poi magari é solo un’altra stupida salita come tante.

Scivolosa, come tutte, sotto la pioggia.

É solo la pazzia che sembra più vicina. Lei si affaccia ad ogni curva, cade coi rami secchi, serpeggia nei fossi col fango e straborda; la vedi con la coda dell’occhio e avanzi e fai finta di non vederla come hai fatto col riccio schiacciato, cercando di non domandarti se fosse lo stesso che passava la sera per mangiare, le zampette, i piccoli occhi brillanti. Devi assolutamente tenere gli occhi al centro della strada.

Che poi magari non é neanche una salita, ma un falsopiano, che dopo poco s’appareggia.

Ed oltre il crinale, a sinistra, il panorama. Le luci, due parole, quelle ancora capaci di farti tremare le vene.