Una fuga

Ecco, mi fermo. La lingua smette di battere, la testa di pulsare, le gambe di andare, io tutta meravigliosamente di dover fare. Mi fermo: il respiro quieto come le foglie gialle.
Ecco, taccio. Che se taccio sarà come se non fosse mai successo.
Ecco, faccio come faceva lei continuamente: dormo. Che se dormo non lo vedrò, e neanche lo ricorderò.
E’ una fuga senza biglietto e senza valigia questa mia, senza passaporto, senza attese.

Annunci

6 thoughts on “Una fuga

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...